Utopia veneziana

Francesco Arena – Jean Bedez – Hans Bellmer – Elisabetta Benassi – Gerard Bérebby – Elvio Chiricozzi – Jan Fabre – Sophie Ko – Damien MacDonald – Maud Maffei – Simone Pellegrini – Cécile Reims – Pietro Ruffo – Delphine Valli – Antonello Viola.

Novecento, San Marco 2683/84, Venezia

10 maggio – 8 luglio 2019

“I progetti migliori di un artista sono quelli non realizzati.” Jan Fabre

Una mostra che mette in scena le utopie degli artisti, i sogni di opere che non vedranno la luce o destinate per loro costituzione a trattare il tema dell’incompiuto.

L’anima più nascosta e preziosa del pensiero creativo.

Una dimora suggestiva e intima nel cuore di Venezia, lontana dalla folla e dai consueti itinerari, che svela le sue meraviglie e suoi segreti poco alla volta, accogliendo i visitatori in saloni eclettici, tra tessuti preziosi, arredi etnici e richiami che rimandano allo stile unico di Mariano Fortuny.

Su questi elementi nasce “Looking for Utopia“, progetto espositivo patrocinato dall’Institut Français e curato da Bianca Cerrina Feroni e Melania Rossi, che lavorano per dar vita ad un percorso che si snoda attraverso gli spazi comuni del piano terra e del piano nobile di Novecento.
Una mostra composta quasi integralmente da inediti, che permette di accedere ad uno degli interni più autentici e di carattere della laguna.

Disegni, collage, fotografie, maquette e piccoli bozzetti scultorei sono alcuni dei mezzi di cui gli artisti selezionati per la mostra si sono serviti per “fermare” e “formare” un’idea.

Il fil rouge che lega i lavori in mostra è l’aspetto progettuale e l’ispirazione che precede la genesi delle opere, il mondo parallelo in cui queste hanno il grado massimo di sublimazione: la non concretezza, l’idea pura e libera perché ancora appartenente all’universo delle infinite possibilità della fantasia.

In questa mostra si collocano anche alcuni lavori finiti che declinano il tema utopico nelle sfide della contemporaneità: i confini, le migrazioni, la trasmissione del sapere, la fugacità delle immagini nell’epoca dell’istantaneità.

Un piccolo nucleo di opere moderne provenienti da collezioni private amplia l’orizzonte di riflessione e crea un ponte tra le rivoluzioni culturali del ‘900 e i giorni nostri.

Lo slancio alla base di questi progetti mostra la possibilità e l’impossibilità di una nuova relazione con il mondo. Luoghi in cui riflettere sulla società in piena ridefinizione, che danno impulso all’azione e al confronto con la realtà per immaginare nuove strade.

Info +39 0412413765

Questa voce è stata pubblicata in Arte, Artisti, Cultura, La casetta sulla quercia, Storie, viaggi, Vita e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.