Di vita, amicizia e yoga

Per una più profonda lettura, si suggerisce di salutare il sole e sbloccare il chakra del cuore. 🙂

 

Music: Whitesnake – Here I Go Again


“Non resistere ad una posizione che non preferisci e non ti attaccare ad una posizione che ami.

Non dimenticare di supportare il peso del corpo bloccando il ginocchio.

Guarda il tuo ombelico, addominali contratti.

Bene.

Adesso – il guerriero , so che desideri la pace ma ricorda le caratteristiche di quest’ultimo: stabilità, equilibrio e forza.

Ad ogni respiro vai più a fondo, entra nella postura, per cercare, per capire.”

 

Sono da poco passate le 5 del mattino, “l’ora grigia”.

Si conclude una notte durante la quale, riflessioni e parole mi hanno fatto visita:

non voglio perderlo il bel vizio di tirare tardi la sera e accogliere il giorno nuovo restando accesa.

Da diversi mesi sono socia del villaggio fitness Virgin Active Collection.

Se avessi potuto, avrei chiesto alle energie universali di teletrasportarmi, per la mia pratica quotidiana di yoga, a Stoccolma, in Svezia risiede infatti una persona speciale, una delle mie più care amiche, una che non si ferma davanti a nulla e ama la vita come pochi sanno fare; questa persona è anche la donna che anni fa mi ha fatto innamorare dello yoga:

(La parola yoga deriva dalla radice sanscrita -yug, aggiogare, addomesticare.

Lo yoga è una disciplina finalizzata alla liberazione dai condizionamenti mediante il dominio dei sensi, la pratica delle posizioni mira al raggiungimento
di un equilibrato stato psico-fisico, sciogliendo e rafforzando il corpo, placando, aggiogando appunto, la mente.

Particolare attenzione è rivolta al respiro: è importante ossigenare le cellule e i tessuti agevolando così concentrazione, silenzio interiore e rilassamento. La pratica costante consente di entrare in contatto con i nostri spazi più profondi, raggiungendo uno stato di maggiore benessere e consapevolezza).

Asa Sunding, la migliore insegnante dell’intero mondo, per me.

Credo di aver parlato già di lei in questo blog, ma “già”, non è “a sufficienza”.

Asa è straordinaria, certo come amica, ma anche come maestra: sente le tue esigenze, per esempio, mentre sei stesa sul tappetino, a fine lezione, stremata e felice, con la percezione di ogni vertebra ed organo interno coinvolti nel lavoro appena terminato, lei arriva, ti cammina sulla pianta delle estremità con leggerezza, e, come per magia, i residui di tensione presenti nel tuo corpo scompaiono; oppure, tu sei nella posizione del bambino, e lei fa pressione sulla schiena, aiutandoti ad allungarla,

per non parlare di quando, conclusa quella che

consideravo la storia più importante (non immaginavo che in futuro sarebbe arrivato nella mia vita un “bio terrorista dell’amore” agevolato dal materiale sentimentale esplosivo che, complice inconsapevole, io stessa gli avrei fornito) mi cullavo nel dolore, ed Asa arrivava a tirarmi giù dal letto ogni mattina:

mentre io preparavo il caffè, lei organizzava la sala per praticare.

Anche questo è il bello di Asa, non è una di quelle puriste che fanno dello yoga il loro Dio: Asa si lascia, come me (forse perciò siamo così amiche) contaminare dalla vita.

Caffè prima dello yoga? Perchè no. Drink in terrazza all’aperitivo? Of course…

Il suo modo di essere mi fa voler un gran bene a questa donna.

 

Riprendendo il discorso sulle energie universali, a quanto pare, avevano altre priorità, rispetto al teletrasportarmi, così, per non privarmi dello yoga, ho pensato di scegliere un club con personale qualificato, che avesse una buona day spa, un’area relax e una dedicata ai trattamenti di bellezza.

(Sono bilancia ascendente bilancia: pianeta Venere, qualità Cardinale, elemento Aria; me ne son fatta una ragione).

Dopo un giro in vari centri dedicati allo yoga a Milano, alla fine, ho optato per la Virgin.

I responsabili del centro di Vittorio Emanuele sono stati da subito efficienti ed il loro interesse è salito alle stelle dopo un fatto: durante una lezione di Antigravity, mentre volavo come una farfalla, il nodo della mia amaca (l’antigravity usa cone supporto un’amaca, i cui nodi sono fatti da insegnanti qualificati e  certificati… per essere reali, le cose capitano, siamo umani e fallibili, così, può succedere che un nodo si slacci, anche se non dovrebbe) si è sciolto, e io sono cascata a terra come una pera cotta.

Mai successo prima.

A nessuno.

Buon per me che non fossi a testa in giù!

Ecco il commento di uno dei miei nipoti sull’accaduto:

“Zia ma come mai quando ci sei tu di mezzo, succedono sempre cose memorabili e bizzarre?”

Mi pare un’osservazione interessante, ma questa, è un’altra storia.

 

Le ragazze che lavorano al Desk sono state dolcissime, così, anche Elena, General Manager, e Tiziana, Product Manager; Natalino, “sciupafemmine”, Personal Trainer e Osteopata, venuto a conoscenza dell’accaduto, mi ha prontamente e  generosamente offerto una terapia per il ginocchio…

subito mi sono rialzata, non c’è stato bisogno di alcun trattamento speciale, e, dopo qualche giorno di riposo, con una ginocchiera sono tornata a lavorare su me stessa.

All’inizio dell’avventura in Virgin, la me contestatrice si era fatta sentire:

“Non c’è insegnante come Asa, saranno tutti distaccati qui, non si mescoleranno, non si daranno.”

E invece Federica, Marco, Tyler Micocci: fantastici.

Poi, un giorno, Celeste.

Un nome una garanzia. Un paradiso di carica vitale.

Asa sarà sempre Asa, Nessuno potrà mai prendere il suo posto nel mio cuore, ma Celeste signori miei, Celeste ha dato un calcio sul fondoschiena delle mie convinzioni e ha zittito la me critica, Celeste mi ha spiazzato.

Dopo una pratica intensa, stuzzicato il chakra del cuore, io, in silenzio, appena coperto il corpo stanco e rilassato con un caldo asciugamano, ho iniziato a dar linfa alle mie emozioni…

(e qui il commento al fatto una volta riportato ad una mia amica napoletana, è stato:

“Uh… ma tu perchè fai le posizioni che riguardano il chakra del cuore Ale, e l’insegnante che ti incoraggia a farlo se te la senti, e tu ovviamnete te la senti e sblocchi stu’ chiakra, e lei non sa, quello che l’aspetta. Ma noi lo sappiamo”).

Celeste ha iniziato a parlare, in modo pacato, della casetta nel bosco con il saggio e il fuoco scoppiettante, e la città che brulica fuori ma tu hai la pace dentro…

si è avvicinata – sulla fronte e sulle tempie una miscela di oli essenziali mi ha immediatamente dato sollievo – con l’indice ha raccolto la lacrima che  percorreva la guancia, poi, ha avvicinato il volto al mio, e mi ha stretto le spalle: erano le sue mani sulle mie spalle, era un abbraccio.

Ora Asa è lontana fisicamente, conoscendola potrebbe essere arrampicata su una montagna con il suo bambino (è una forza della natura, lo dico con un coinvolgimento importante ma vi assicuro, so essere obiettiva) e io voglio la luce, perciò,

in attesa di riabracciare la mia cara amica in una qualsiasi città del mondo,

benvenuta Celeste.

Ho sempre creduto fosse la pratica a salvarmi dal buio, quando la vita giocava a mettermi al tappeto, in realtà, non c’è  mai stato, solo lo yoga, alla base della mia rinascita, dopo gli attentati subiti dal cuore: è stata la mia forza, e le rare persone di valore che hanno afferrato la mia mano, le persone giuste, quelle che sentono, quelle che amano.

Namasté.

“Being vulnerable is the only way to allow your heart to feel true pleasure”.

Bob Marley.

 

chakra4_s-1.png

Alcune nozioni sui chakra

Secondo le tradizioni orientali nel corpo umano esisterebbero sette centri energetici principali, detti Chakra. I chakra hanno la funzione di assorbire l’energia universale per alimentare i vari livelli del campo energetico, collegarli con il corpo e rilasciare energia all’esterno. Chakra è una parola che rimanda al significato di una “forma circolare” : cerchio, vortice che si allarga a spirale Bindhu, punto da cui tutto parte e a cui tutto torna.

I chakra vengono anche chiamati Padma= loto, spesso infatti sono rappresentati come fiori di loto chiusi, semichiusi, o aperti, con differenti numeri di petali che possono essere rivolti verso il basso, verso la Terra, o verso l’alto, verso il Cielo, a secondo il livello di coscienza raggiunto da ogni persona. Quando il chakra è aperto, l’energia fluisce liberamente, quando il chakra è chiuso, o bloccato, l’energia trova un ostacolo e non penetra.

Un flusso squilibrato di energia può causare disturbi od alterazioni dì carattere psicologico con consequenziale insorgenza di diverse patologie a livello fisico. La totale apertura di tutti i chakra consente di raggiungere “l’Illuminazione”. Per “aprire” i chakra esistono molte tecniche diverse,  basate sulla meditazione, sulle pietre, sui cristalli, su esercizi e movimenti fisici, sul massaggio, sui colori, sugli aromi.

I principali chakra  sono composti di un vortice anteriore ed uno posteriore fatta però eccezione per il primo ed il settimo chakra, che invece sono singoli.
Dal Secondo al Quinto chakra, l’aspetto anteriore si relaziona con i sentimenti e con le emozioni, mentre quello posteriore con la volontà.

Per quanto riguarda il Sesto (anteriore e posteriore) ed il Settimo, la correlazione è con la mente e la ragione. Il Primo ed il Settimo chakra hanno inoltre una funzione di collegamento: essendo i chakra più esterni del canale energetico, essi relazionano l’uomo con l’universo da un lato e con la terra dall’altro.

Ogni chakra sovrintende a determinati organi ed ha particolari funzioni.

Il Chakra del Cuore è situato al centro del petto, è il centro dell’intero sistema dei Chakra e costituisce il punto di transizione fra i tre Chakra inferiori e i tre superiori. Tutti gli altri Chakra dipendono da questo, poiché il cuore è il centro da cui nascono tutte le emozioni.

Nel Chakra del Cuore risiede il nostro Sé Superiore. Questo Chakra è considerato la porta d’accesso dell’anima, qui hanno origine sentimenti come l’amore, la gioia, la serenità, la compassione, ma anche il dolore e la sofferenza emotiva.

L’energia del Chakra del Cuore è associata alla vibrazione del colore verde (colore che rappresenta l’unione tra natura terrestre e natura celeste)

la sua apertura ti consente di stabilire legami profondi, di sviluppare empatia, di provare compassione e amore incondizionato nei confronti di tutti gli esseri viventi.

La parola che definisce il Chakra del cuore è “Anahata”, che significa “suono non colpito, non danneggiato”: si riferisce alla capacità del cuore di creare una melodia quando incontriamo delle persone che fanno nascere in noi l’amore.

La parola “Anahatasignifica anche libertà di scelta, infatti è importante che siamo noi a scegliere in maniera consapevole di aprirci all’amore, di condividerlo con gli altri, anziché rifiutarlo e negarlo (come spesso accade quando siamo stati feriti o abbandonati da qualcuno che amavamo).

Un funzionamento disarmonico del Chakra del Cuore in genere si manifesta come una chiusura all’amore come meccanismo di difesa

La gelosia, la confusione, l’amarezza, il risentimento, la paura… sono tutti sintomi di un Chakra del cuore chiuso, così come i litigi, l’infedeltà e altri problemi familiari.

I problemi fisici associati a un Chakra del Cuore chiuso includono malattie cardiache, allergie, ipertensione, cancro al seno, asma e disturbi del sistema immunitario.

Per sbloccare il Chakra del Cuore: stai a contatto con la natura, pratica la meditazione, usa olio essenziale di lavanda, mangia verdure a foglia verde, indossa abiti verdi e inserisci il colore verde a casa tua, infine, AMATI, perdona te stesso e gli altri.

Perdonare significa scegliere in maniera consapevole di smettere di portarti dentro la rabbia e le negatività.

Non possiamo controllare le azioni degli altri, quello che possiamo fare è scegliere il modo in cui reagire alle situazioni, da quale angolazione osservare un evento, e decidere se portare con noi il carico emotivo o lasciarlo andare.

Riequilibriamo il Chakra del Cuore: impariamo ad amare di nuovo!

Questa voce è stata pubblicata in Arte, Educazione alimentare, Il nostro corpo è un tempio., La casetta sulla quercia, Musica, salute, Storie, viaggi, Vita e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Di vita, amicizia e yoga

  1. Celeste ha detto:

    Anche io ricordo quel momento come una cosa speciale, e oggi quando ti ho vista mi sono subito ricordata che eri tu ☺ ti abbraccio, spero di vederti prestissimo e condividere tanti respiri profondi e tanto yoga.
    Celeste

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.