Credo

Credo nelle cicale e nei biliardini.

Credo nella cura del tempo, nel sentimento e non nel facile sentimentalismo.

Credo nel sidro, nelle sacche da viaggio, nell’odore della terra appena tagliata;

credo nei terrazzi, nei giardini e nei gelsomini.

Credo nell’Ottocento russo e nelle viste mozzafiato;

nelle tracce sulla sabbia cancellate dalle tempeste.

Credo nei pesci rossi fuori dall’acquario, nel merlo e nel picchio.

Credo nelle creature selvatiche, negli alberi di eucalipto, nella consecutio temporum.

Credo nelle albe e nello Scirocco.

Credo nel vecchio de: “Il vecchio e il mare” che sognava i leoni.

Credo nei campi di grano, nella sobrietà e nella tolleranza.

Credo nei cuori docili e resilienti.

Credo nella strada maestra e nei fatti.

Credo nella buona volontà, nel sacrificio e nel metodo.

Credo nelle radici e nelle supernove.

Credo nei porti aperti e nella multiculturalità.

Credo nell’istinto.

Credo nel divano di Peter Griffin.

Credo nella cioccolata e nella magia della solitudine.

Credo nel sorriso di chi ha superato un dolore;

credo nel potere del ricordo.

Credo nelle lunghe passeggiate “Di là dal fiume e tra gli alberi”.

Credo negli uomini che non conoscono codardia (…).

Credo nell’educazione e nel rispetto.

Credo nel sangue e nella discendenza.

Credo nella libertà di opinione e nei semi piantati.

Credo nell’Amore.

Credo nella mia Harley.

Credo nell’energia della provincia.

Credo nella velocità della metropoli.

Credo nel cambiamento.

Credo nel pedalò, fa così retró.

Credo nelle parole, ca va sans dire.

Credo nell’aver fede in qualcosa: nelle bollicine, per esempio.

Credo nei pazzi: lo siamo tutti, ognuno a modo suo.

Credo che nessuno possa stabilire i canoni della normalità.

Credo nella parola data, nell’eleganza e nella grazia.

Credo in chi non ostenta, e nell’onestà.

Credo di aver imparato a perdonare e lasciare andare.

Credo nel dubbio.

Credo di avere una pessima memoria ma i momenti che hanno ‘fatto la storia’ non li dimentico e non li scordo.

Credo in chi non giudica.

Credo nel dire “NO”. Senza sensi di colpa.

Credo di aver preso una forte insolazione.

Credo di essere una creatura stramba e rara e, dal momento che sei arrivato a questo punto, credo lo sia anche tu.

Decisamente.

Almeno, credo.

(Guarda video)

Music: Brioschi – Franco 126

Questa voce è stata pubblicata in Arte, Artisti, Cinema, Cultura, Educazione alimentare, Il nostro corpo è un tempio., La casetta sulla quercia, Libri, Moda, Musica, salute, Sport, Storie, Tecnologia, Uncategorized, viaggi, Vita e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.