Passione rosè sul Lago di Garda

roséIX EDIZIONE

Italia in Rosa scalda i motori per la nona edizione: la rassegna dei rosé di Moniga del Garda (Bs), si ripresenta in scena con numeri da record e si avvicina al traguardo del decennale, alzando l’asticella della qualità e della rappresentatività: quest’anno il festival dei rosé di Moniga, la Città del Chiaretto sulla Riviera bresciana del lago di Garda, celebra la nona edizione all’insegna di una forte crescita, annunciando la presenza di 131 cantine per un totale di oltre 170 rosé provenienti da tutta Italia.

La manifestazione gardesana, va in scena da oggi al Castello di Moniga, suggestiva cornice trecentesca con vista mozzafiato sul Benaco, inaugurata con grande successo nel 2015, e, quest’anno dotata di una superficie espositiva ulteriormente ampliata per migliorare l’ospitalità degli amanti del vino, che non vorranno mancare all’appuntamento con la più esaustiva vetrina italiana dedicata al “bere rosa”.

La Valtènesi e la Puglia, due fra i territori italiani che mirano a rivendicare una tradizione viticola storicamente orientata alla produzione di vini rosa, saranno protagonisti, ma tutte le zone d’Italia avranno una loro area, dall’Abruzzo al Piemonte passando per la Toscana ed il Veneto;

non mancheranno gli stand, anche questi rigorosamente in rosa, dei Vignaioli Veneti oltre che delle Donne del Vino.

Spazio ad una rappresentanza autorevole di Cotes de Provence, protagonista per altro di una degustazione guidata, aperta da Michel Couderc (Responsabile del Centro Studi ed Economia del Conseil Interprofessionel Vins de Provence) che, sabato 11, presenterà i dati dell’Osservatorio 2016 sui Rosè con le ultime tendenze mondiali nel convegno in programma a Villa Galnica di Puegnago, sede del Consorzio Valtènesi.

Alla tavola rotonda parteciperanno anche Tiziana Sarnari, analista di mercato Ismea specializzata nel comparto vino, e Lucia Nettis, direttrice dell’associazione Puglia in Rosè: presenze che puntano a rafforzare l’identità di Italia in Rosa.

Italia in Rosa assume una connotazione “social” grazie alla grande “Cena in Rosa” in programma nella serata di domani: i partecipanti con almeno un capo d’abbigliamento e tovagliato in rosa, potranno portare il proprio cibo (possibilmente in rosa anche quello) e cenare sul prato in un’area riservata nel giardino del castello  accompagnando le proprie pietanze con i vini di Italia in Rosa.

 

Il convegno

SABATO 11 GIUGNO ore 10
Villa Galnica di Puegnago del Garda sede del Consorzio Valtènesi

 

“Il futuro del Rosé: numeri e dimensioni di un mercato in forte espansione”

Relatori:
Luigi Alberti – Presidente di Italia in Rosa
Carlo Alberto Panont – Direttore Consorzio Valtènesi
Michel Couderc – Responsabile Centro Studi ed Economia del Conseil Interprofessionel Vins de Provence
Tiziana Sarnari – Analista di Mercato ISMEA
Lucia Nettis – Direttrice di Puglia in Rosé
Alessandro Luzzago – Presidente Consorzio Valtènesi.

Nel corso dell’incontro, Michel Couderc presenterà ed illustrerà i dati 2016 Observatoire des Rosès: “Vins Rosès en Provence, en France et dernierès tendances mondiales “.

Al termine del convegno, cerimonia di Premiazione del Trofeo Pompeo Molmenti per il miglior “Chiaretto vendemmia 2015”.

Ufficio Stampa Consorzio Valtènesi
mail: claudio@andrizzi.info

 

 

Info: www.italiainrosa.it

Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Educazione alimentare, Il nostro corpo è un tempio., La casetta sulla quercia, salute, viaggi, Vita e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.