To Woody with love

A Cicale e biliardino, il dietro le quinte dell’ultimo film di Allen.

La cosa si è sviluppata più o meno così:
sono andata sul set di Woody determinata (volevo lui avesse A S S O L U T A M E N T E una copia del mio libro) e zoppicante (ero appena rientrata da un viaggio in Nord Europa, con un piede rotto); alla fine ho compiuto la missione ma… insomma, una volta ho Woody Allen che mi gira sotto casa e mi presento con il sandalo raso terra Positano? Dico, il sandalo è perfetto per Trastevere, non quando stai per incontrare Woody: il tacco conferisce portamento e sicurezza. Per l’occasione, avevo fasciato il piede malato con un foulard Hermes.
Almeno.
Volevo salire last minute su uno stiletto, ci ho provato anche: non riuscivo a fare un passo. Ero inchiodata a terra.
Giornata esilarante. Il fruttivendolo ancora ride.

Torniamo al film, alcuni critici lo hanno definito un’ opera tiepida. Da queste parti c’è la credenza che Woody non sbagli mai, è innegabile però, che questa volta non ci sia il capolavoro. Per me, qualche battuta divertente non manca, ed è appropriata l’ ironia legata all’idea del facile successo italiano. A voi è piaciuto?

All rights reserved Alessia Luongo Di Giacomo

Questa voce è stata pubblicata in Artisti, Cultura, Moda, Storie, Vita e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.